La Storia di Uggiano la Chiesa

Le Testimonianze del Passato di Uggiano la Chiesa

La storia di Uggiano la Chiesa è certamente antichissima, come ci possono testimoniare reperti eccezionali quali i menhir e i dolmen, ovvero i famosi megaliti preistorici eretti con una o più pietre.

In particolare a Uggiamo possiamo ammirare il millenario menhir di San Giovanni Malcantone, che raggiunge l'altezza di 4 metri, il dolmen di Scusi, eretto sulla strada verso Minervino di Lecce, ed altri monumenti di pietra d'origine preistorica.

Lasciti dell'antichissimo passato sono, inoltre, presenti nella Grotta dei Cervi, che si trova nella località di Porto Badisco, nella quale sono stati rinvenuti affreschi preistorici d'immenso valore, così delicati e rilevanti da impedire ai visitatori l'accesso al sito archeologico neolitico.

L'ospitale paese leccese abitato da sempre ha poi legato il proprio destino a quello della vicina Otranto, comune salentino baciato dalla sorte per la sua posizione sul mare che però gli è costata anche tanti attacchi e scorrerie.

Il toponimo del comune leccese e la torre dell'Angelo testimoniano la funzione di Uggiano la Chiesa come avamposto in difesa di Otranto del quale rappresentò per secoli un feudo strategico avuto in dono dagli aragonesi.

Il passato belligerante di Uggiano emerge anche a Casamassella, un'incantevole la frazione di Uggiano la Chiesa nella quale sorge un'antica fortezza militare trasformatasi nel corso del tempo nel famoso castello De Viti de Marco che ha ospitato alcune fra le più prestigiose famiglie salentine.